martedì 30 novembre 2010

Modeling a Cylon Raider - the wings

I have a couple of free days, so I want to start to model my last homage to Battlestar Galactica, one of my favorite TV Shows.
After the Viper MK II and the Cylon Centurion, it's the turn of the Cylon Raider.

I've found this blueprint as reference, so the first step is to crop all of the images in Photoshop. I will have four different images at the end of the process (top, left, bottom and rear) to import into Maya 2011 as image planes. It's important to use horizontal and vertical guides in Photoshop to resize correctly the images, because the references must have same dimensions.


First impressions: the original model is fantastic, I love the design and the final look, this fighter is really awesome. I don't know the authot but I'd like to pay him a compliment. It is interesting to notice that the model is composed of 4 parts: the wings (I can model one of them and then mirror it), the engines, the weapons and the central part. The fighter hasn't a linear design, but it's possible to break down it into 4 parts to ease the modeling process.


I decided to get started from the wings. I think the wings are the funniest and the most difficult part of this model. I'm using traditional methods to model the wing, nothing fancy: I get started from a box, extruded it a lot of times, added some edge rings and moved the vertices to match my reference images. I'd want to create a low poly model, because I'd like to animate a fight between the viper and the raider and obviously the raider will be destroyed.



Anyway, during the modeling process, I prefer to smooth the mesh to see if it's correct and perfectly rounded. This step helps me to notice that the bottom needs some correction.

In the meantime I decided to use the references as texture, so, in a next article, I'd like to share my method to project the images from a camera to create a new texture. First of all I will create the UV maps, then I will project the reference images from a given camera (unfortunately, it's not possible to use an orthographic one).


Best regards.

lunedì 29 novembre 2010

Replacing HTML entities with the appropriate characters in Javascript

I was looking for a good Javascript example to replace HTML entities with the appropriate characters and, after a long search, I found out this thread on stackoverflow. The function below, proposed by the user Tomalak, works like a charm for me:

var replaceHtmlEntites = (function() {
    var translate_re = /&(nbsp|amp|quot|lt|gt);/g;
    var translate = {
        "nbsp": " ", // Space
        "amp" : "&", // Char &
        "quot": "\"", // Char "
        "lt"  : "<", // Char <
        "gt"  : ">" // Char >
    };
    return function(s) {
        return (s.replace(translate_re, function(match, 
                                                 entity) { 
            return translate[entity];
        }) );
    }
})();
callable as
var strIn ="This string has special chars &amp; and &nbsp;";
var strOut = replaceHtmlEntites(strIn);


Best regards.

martedì 23 novembre 2010

The 12th Intl. Architecture Exhibition, People meet in architecture, in Venice

Two weeks ago I was in Venice to visit the 12th Architecture Exhibition, "People meet in architecture", organized by Kazuyo Sejima. I could talk a lot about this Biennale but I won't, because I basically agree with a message left on a toilet wall  ("the toilet wisdom" cit. my Brother Massimo Bolli)   from an unknown visitor (on the left). I will post here the videos of the best pavilions in my opinion. The "Biennale di Architettura" is over now and these videos will allow us to get the picture of this Exhibition, especially if someone didn't visit it.


lunedì 1 novembre 2010

JSubs - Programma JAVA per scaricare sottotitoli da italiansubs.net

JSubs è un software JAVA Open Source pensato per scaricare automaticamente i sottotitoli delle serie TV dal sito italiansubs.net (e nell'ultima versione anche da subsfactory.it). Ho scritto JSubs perché mi capita spesso di accumulare un gran numero di puntate, anche di serie TV diverse, e scaricarne i relativi sottotitoli può essere cosa tediosa. Il software cerca in una cartella radice (e sottocartelle) gli episodi dei serial TV (i film o i video personali vengono scartati) e li elenca in una tabella. Cliccando sull'apposito pulsante, si possono scaricare i sottotitoli: JSubs si logga su Itasa, cerca i sottotitoli, li scarica, li unzippa e li rinomina.


CLICCA QUI PER SCOPRIRE IN MODO INTERATTIVO IL SOFTWARE SENZA SCARICARLO

(Si può cliccare sui pulsanti come se fosse il vero JSubs.
Si può inoltre cliccare con il tasto destro del mouse sulla lista dei serial per scoprire il menù.)

JSubs è un software gratuito, il link per il download è in fondo all'articolo.

In questo video si vede il programma in azione su Ubuntu, in particolare la feature, utilissima nel mio caso, del menù contestuale. Sia su Windows che su Ubuntu (nb: il file JSubsCMDL.jar deve essere eseguibile), JSubs può essere aggiunto al menù del tasto destro del mouse: in pratica si possono scaricare i sottotitoli con un semplice click sulla voce del menù, senza neanche avviare l'interfaccia grafica.




JSubs deve essere configurato per poter funzionare. I parametri necessari sono pochi ed alcuni di essi (la homepage di Itasa e l'indirizzo della pagina con l'elenco delle serie TV) sono già configurati. E' importante inserire il nome utente e la password per l'accesso ad italiansubs.net e  la  cartella contenente i video. E' possibile inizializzare un timer all'avvio del programma: JSubs, in modo ricorsivo, controllerà se ci sono nuovi video e scaricherà i relativi sottotitoli automaticamente, senza richiedere il nostro intervento.

I moderni Sistemi Operativi permettono di interagire con gli oggetti attraverso il menù contestuale o menù del tasto destro del mouse. JSubs offre la possibilità di aggiungere una voce al menù contestuale per scaricare i sottotitoli più velocemente, senza avviare l'interfaccia. Facendo click col tasto destro del mouse su un video, si aprirà il classico menù con in più la voce "Scarica sottotitoli con JSubs". Questa feature è supportata su Windows e Linux (attraverso le nautilus-actions, che devono essere installate).
Su Windows verranno create le necessarie chiavi nel Registro di Sistema, su Linux è possibile aggiungere automaticamente un'azione a nautilus-actions o creare un file di configurazione da aggiungere manualmente. Questa feature non è attualmente supportata sui MAC. La finestra delle Impostazioni permette di rimuovere le chiavi dal Registro di Sistema. Su Linux bisogna rimuovere manualmente l'azione con lo Strumento di Configurazione di nautilus-actions.

Sui sistemi supportati, JSubs si installa nella System Tray. Ciò significa che, se si clicca sulla X della barra, il programma non si chiuderà, verrà solamente nascosto, ma sarà ancora attivo nella System Tray. Per chiudere il programma utilizzare il pulsante con l'icona grigia nella finestra principale o File --> Esci nella toolbar. L'opzione più interessante del menù della System Tray è quella di modificare il timer di JSubs.





NOTE IMPORTANTI: JSubs è un software in versione beta, rilasciato sotto GPL e senza alcuna garanzia di funzionamento. Il programma era stato creato per uso personale, ma ho pensato che potesse essere utile anche ad altri. Utilizzo tutti i giorni JSubs su Ubuntu Lucid Lynx, Windows 7 64 bit e Windows XP Media Center senza problemi, ma va specificato che il software non è stato testato per una distribuzione pubblica.
Il programma utilizza librerie ed icone di terze parti e le relative Licenze sono incluse nel pacchetto.


Saluti.